Pépinières d'Entreprises | FGB lancia la sua partnership con SWITCH PITCH
English English

FGB lancia la sua partnership con SWITCH PITCH

FGB lancia la sua partnership con SWITCH PITCH

Incontro imprese e start-up: la piattaforma globale online di start-up

Fondazione Giacomo Brodolini annuncia la sua partnership con Switch Pitch, la piattaforma  globale online per l’incontro tra grandi aziende e start-up.

Grazie a SwitchPitch le imprese italiane avranno la possibilità di trovare start-up con soluzioni innovative accedendo alla piattaforma di start-up engagement Startup Relationship Management. Inoltre FGB metterà a disposizione uno strumento di valutazione tecnologico per aiutare le imprese a definire il valore tecnologico delle start-up.

La partnership si caratterizza principalmente per tre azioni:

  • Promozione della piattaforma SRM (SwitchPitch’s startup relationship management) tra le imprese italiane ed europee,
  • Promozione dei servizi di consulenza per l’innovazione offerti da FGB facendo leva sulla piattaforma SwitchPitch
  • Lancio di un evento congiunto sull’innovazione a Milano per la promozione di programmi di innovazione per imprese dedicato alle start up che saranno invitate.

 

In Italia molte imprese coinvolgono le start-up nei loro progetti attraverso un approccio di open innovation. Nonostante questo la piattaforma SwitchPitch, ben conosciuta in molti stati europei, non ha ancora preso piede in Italia. FGB con il suo network di acceleratori sul territorio italiano ricopre un ruolo importante nell’ecosistema delle start-up italiane e rappresenta quindi una grande risorsa per le imprese a livello nazionale.

FGB e SwitchPitch stanno, inoltre, pianificando un evento a Milano per mettere in connessione le start-up innovative con le imprese europee. Il format dell’evento si baserà sul modello degli eventi SwitchPitch, vale a dire aziende che fanno pitch alle start-up, con qualche novità. Le imprese faranno un pitch sui loro programmi di innovazione e di start-up engagement e incontreranno direttamente le principali start up per valutare la loro compatibilità all’interno delle rispettive organizzazioni.